Vocaturi

Da oltre 50 anni, l'eccellenza artigiana del ferro battuto

lavorazioni artigianali
Vocaturi-enrico-armando
icon-produzioni-lampione

Lavorazioni artigianali di Prestigio

Principali lavorazioni d'eccellenza realizzate in ferro battuto

  • Lampadari della sede centrale CRT, Torino
  • Illuminazione palchi Teatro Carignano per conto dell’Enel, Torino
  • Cancello ingresso principale castello di Casalborgone
  • Ricostruzione e restauro delle applique del salone della Villa Tesoriera, Torino
  • Ricostruzione del lampadario dell’androne della Accademia delle Scienze, Torino
  • Cancello ingresso principale villa Offidani, Strada Santa Brigida, Moncalieri
opere-principali-grande-lampadario
opere-principali-telescopio
  • Grande telescopio eseguito per la Fedra recitata al Teatro Carignano con la regia di Luca Ronconi (foto sopra).
  • Eseguiti innumerevoli restauri di applique, lampadari, ringhiere ed oggetti vari in metallo.
  • L’opera di Armando Vocaturi è stata segnalata su numerosi periodici, riviste specializzate, libri, quotidiani tra cui: Brava Casa (nel 1981, 1988, 1994, 1997) - Stampa Sera - La Stampa
  • “Maestri Italiani del ferro battuto” a cura di Giuseppe Ciscato, pag. 490, redazionale (Italiano e inglese) e numerose fotografie, Alinea Editrice.
Grande lampadario e illuminazione totale del Teatro di Casale Monferrato. Il lampadario misura 3,20 mt. per 2,80. Settantacinque sono le luci. I lavori sono stati eseguiti sotto la direzione della Sovrintendenza alle Belle Arti di Torino ed in collaborazione con il prof. Giuliano e l’arch. Fusari.

Opere Principali

Le realizzazioni eccellenti in ferro battuto della Bottega Vocaturi

Lampione a sospensione con mensola in ferro cod 253

Pianta in ferro cod 252

Melograno cod 251

Lampione a sospensione cod 250

"Qualche angelo deve guidare con la sua lieve mano quella di Armando Vocaturi, artigiano del ferro. Non dovete pensare o immaginare un qualunque forgiatore o battitore pur abile, pur artisticamente dotato. Vocaturi ha una marcia in più,una lievità di tocco e fantasia che lo apparentano in qualche modo all’esperto di lavorazioni sofisticate."

La Stampa, Torino 7 luglio 1995